lunedì 6 febbraio 2012

Il maleficio del dubbio

Secondo me,il titolo già basta per esprimere bene quello di cui voglio scrivere.Lo ritengo esauriente,davvero.Ma in poche cose sono un minimalista,specie nello scrivere.
Casualmente si tratta di nuovo di una piccola modifica apportata ad un comune modo di dire,come l'ultimo mio post.Ma è da un po' che voglio scrivere a riguardo,solo che non mi è mai venuta in mente una serie di parole adatta a farlo.Ci provo.
Certo,sono sicuro che questa è una cosa che riguarda tutti,perchè basta il semplice atto del "pensare" per trovarci di fronte al dubbio.Evitiamo battute sul fatto che per alcuni sembra difficile pensare:credo sia banale.
Ma andiamo avanti.Quei "e se..." e quei "ma se invece..." che alle volte ci rendono difficile il semplice addormentarsi,quelle parole non dette da labbra da cui momentaneamente pendiamo,quei gesti che forse si fraintendono o forse no.Ecco di cosa parlo.
Ma anche quelle scelte difficili,quegli sguardi ambigui e,insomma,tutto quello che ci è capitato almeno una volta e ci porta davanti alle porte del dubbio.
Maledetto dubbio.Che ci frena,ci inibisce,ci assilla.
Sia che riguardi la scelta di parlare con una persona a cui teniamo,sia invece a proposito di restare o partire.Maledetto dubbio.
Il peggiore?Quello in campo sentimentale ovviamente.Perdonare o no,buttarsi o no,tentare di ricostruire o no.
Ma badate:dopo il dubbio,c'è sempre la certezza.
Se tutto andrà bene,state certi che più in là penserete che anche il dubbio è stato un bel momento vissuto.
Se,invece, non sarà così,state certi che prima o poi troverete quello che cercate,prima fra tutte la volontà di andare avanti.E sapete perchè?Perchè,se fate un passo indietro,tra il dubbio e la certezza,troverete la vostra vera forza,una cosa che sarà il motivo del vostro orgoglio per voi stessi,perchè vi siete dati coraggio e audacia per voler rischiare:la forza di scegliere.È nobile per me colui che si mette in gioco,che rischia un qualcosa,che infine sembrerà poco,per ottenere molto di più.È nobile per se stessi fare una cosa del genere,perchè essere sicuri in noi stessi è un fattore che viene da noi e deve basarsi su di noi,perchè se si basa sugli altri,prima o poi verrà a mancare,e fine dei giochi.È sempre stato così.
Mettiamoci in gioco.

14 commenti:

  1. Mettiamoci in gioco, un invito bellissimo!
    Io ci provo sempre a mettermi in gioco, ma c'è una congiura contro di me e rimango sempre in mutande (non letteralmente eh ;D).
    Comunque odio i dubbi e la confusione. Vorrei che le cose fossero chiare. A volte per colpa di dubbi nascono equivoci che non finiscono più!
    Chiarezza è la soluzione!
    Ok, stop, mi fermo qui :D
    Buona serata Mr Blue, è sempre un piacere leggerti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condividiamo lo stesso punto di vista,a quanto pare.
      E penso che tutti siamo rimasti in mutande almeno una volta!
      A presto!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Il messaggio di fondo è quello,ma tu sei stata molto più concisa.Anche se,come ho già scritto,potevo fermarmi al titolo,ma avevo tante parole in mente e le dovevo far uscire.

      Elimina
  3. mi sono sempre messa in gioco e questo mi ha portato a avere la certezza (FORSE!!!) di essere per la strada giusta!
    anche se, il mio dubbio preferito, "ragione & sentimento" continuano a "scontrarsi" spesso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È normale che sia il contrasto più interessante,c'hanno pure scritto un libro! =)

      Elimina
  4. A me il maleficio del dubbio piace: forse perché la prospettiva di rimanere con le terga per terra esponendosi mi spaventa tanto. Ma sto imparando anche questo.
    Cavoli, è duro crescere. ( sob. )

    Sempre un piacere, davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla,ci farai il callo su quelle tue terga.Fidati di uno che ha fatto qualche passo in più di te.Comunque a me il dubbio non piace molto,forse perchè sono una persona istintiva e trovarmi in stallo su una decisione è una cosa che non apprezzo molto.

      Elimina
    2. Anche io sono una persona istintiva, infatti pare proprio che mi tocchi imparare, schifo lo stallo almeno quanto te.

      Elimina
  5. sono d'accordo: non bisogna demonizzarlo, il dubbio... ha il suo bello, come l'attesa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ma,secondo me,l'attesa è un'altra cosa.

      Elimina
  6. Il dubbio è una di quelle cose che riesce a mandarmi in tilt, per questo quando mi assale cerco di prendere una decisione nel minor tempo possibile, perchè tanto se devo - nella peggiore delle ipotesi - andare a sbattere contro un muro andrò a sbattere comunque sia che ci avrò pensato 1 giorno o 10 giorni. Ma la cosa che penso sia più logorante del dubbio stesso è chi, ragionando con il "senno di poi", esalta le sue certezze.
    Un saluto

    RispondiElimina
  7. Oh non parlare di dubbi! Ma proprio oggi non ne ho più, quindi dovresti ammirarmi xD, nuova follower, bel blog ;D

    RispondiElimina
  8. Ah, il dubbio è qualcosa che, spesso, rende difficile qualsiasi pensiero! Ci dobbiamo convivere anche se forse, a volte, basterebbe riuscire a pensare meno.
    Post interessante.

    RispondiElimina